Impianti geotermici

geotermiaLa geotermia a bassa entalpia sfrutta questo calore per il raffrescamento o riscaldamento degli edifici, estraendo calore dal sottosuolo tramite una sonda geotermica e cedendolo a uno scambiatore di calore che lo incrementa ulteriormente e lo distribuisce all’edificio da climatizzare, attraverso impianti a bassa-media temperatura (esempio, pannelli radianti a pavimento o a parete). Lo stesso processo, ma inverso, avviene durante il periodo estivo per raffrescare i locali.

Durante tutto l’anno si riesce quindi a produrre contemporaneamente riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sanitaria per coprire l’intero fabbisogno dell’edificio.

Share Button